Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Luigi Duchi

Domotica

Monitorare lo stato on-off di un punto luce usando Sonoff e Relè passo passo

Data: 15 settembre 2018

Bentornati amici oggi parleremo di un argomento piuttosto particolare che molti di voi mi hanno chiesto di approfondire. Il sistema di seguito descritto risolve un problema comune quando si usano dei relè passo passo per far convivere un comando manuale di accensione di un punto luce (tipicamente un pulsante) e un dispositivo domotico tipo un Sonoff o simili configurati in modalità impulso (appunto per eccitare il relè passo passo). In questo caso non è possibile sapere se la luce in un dato momento è accesa o spenta (a meno che non siamo li a guardarla). Quindi andremo a vedere come far comunicare al nostro Home Assistant se una lampadina e' realmente accesa una volta che il nostro Sonoff andrà a dare un impulso al un relè. Vedremo come effettuare questa operazione con un Sonoff 4ch pro in modalità "inching mode" con installato il firmware tasmota, la procedura potrà essere attuata anche con un Sonoff Basic sempre flashato con tasmota con una piccola modifica al collegamento e con il comando da console pulse time.

Innanzitutto va detto che andrà configurato anche un NodeMCU con firmware tasmota, oltre che i Sonoff sopra citati, dunque andiamo a vedere il materiale necessario per questa guida:

- sonoff 4ch pro che potrete acquistare su Amazon qui 

- nodemcu che potrete acquistare su Amazon qui

- jumper che potrete acquistare qui

- relè passo passo doppio scambio con contatti puliti finder 26.02 che potrete acquistare su Amazon qui

in alternativa a questi relè, se il vostro impianto e' gia munito di rele' passo passo e non vorrete sostituirli, allora sarà necessario acquistare degli optocoupler che potrete trovare qui

NOTA BENE:

Tengo a precisare che la guida seguente richiede una certa conoscenza di elettrotecnica e vi sconsiglio vivacemente di "mettere mano" all'impianto elettrico se non siete qualificati. Pertanto il nostro Blog si ritiene sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di guasto o infortunio derivanete dall'uso improprio di questa guida che è da ritenersi realizzata per solo uso didattico. A prescindere da questo la raccomandazione è di lavorare sempre in sicurezza con la corrente elettrica dell'appartamento disattivata.

nel caso decidiate di acquistare ed installare il relè finder 26.02 dovrete seguire questo schema elettrico:

 

Nello schema potete notare che una delle uscite del Sonoff è stata messa in parallelo al pulsante fisico a parete, ne consegue che premendo il pulsante nel muro o attivando il canale del Sonoff, si andrà ad eccitare il relè.

Il relè in questione, come già detto, è il finder 26.02. La particolarità di questo dispositivo e' che ha due contatti normalmente aperti (che da ora in poi indicherò con NO) che lavorano in contemporanea all'attivazione del relè, ma che allo stesso tempo sono separati tra loro. Ciò vuol dire che alla pressione del pulsante o alla attivazione del canale del sonoff, i due contatti si chiuderanno fino a che non andremo nuovamente a premere il pulsante o andremo ad intervenire sul sonoff 4ch pro. Su uno dei due contatti andremo a collegare direttamente la fase diretta, che alla chiusura del contatto, lascerà passare la fase accendendo la lampada. Nell'altro contatto NO collegheremo due fili che andranno collegati sul nodemcu una su gnd e una sul gpio che avremo programmato (spiegherò più avanti come farlo). Anche in questo caso eccitando la bobina del relè i fili che abbiamo collegato al nodemcu andranno in corto circuito chiudendo il ponticello tra gnd e il gpio.

In questo modo il NodeMCU potrà comunicare ad Home Assistant, tramite il protocollo mqtt, lo stato reale della lampadinaOvviamente ogni uscita del Sonoff 4ch pro potrà andare ad un altro relè passo passo in modo da attivare un altro punto luce, mentre per quanto riguarda il NodeMCUprogrammando 4 ingressi, ne potremo utilizzare solo uno per tutti e 4 i canali del Sonoff.

Normalmente negli impianti domestici troverete dei relè passo passo ad un solo scambio (vedi ad esempio il finder 26.01). In questo caso se non vorrete sostituirli, dovrete collegare un optocoupler in parallelo alla linea che esce dal relè e va ad alimentare la lampada come da schema sottostante.

gli optocoupler o fotoaccoppiatori si usano principalmente per trasferire un segnale, sia esso digitale o analogico, da un apparato ad un altro, tenendoli elettricamente isolati l'uno dall'altro, una condizione che sarebbe difficile conseguire senza l'utilizzo di questi componenti (nel nostro caso impedisce alla 220v in uscita dal relè di andare sulle gpio del nodemcu). 

PROGRAMMIAMO IL NODEMCU

Adesso che abbiamo spiegato i collegamenti elettrici passiamo alla programmazione del NodeMCU. Vi rimando alle guide precedenti su come flashare TASMOTA, la procedura sarà la stessa utilizzata con i sonoff basic ad eccezione del fatto che non avremo bisogno di saldare nessun filo ma vi basterà collegare tramite usb il nodemcu al pc.

https://www.vincenzocaputo.com/picoblog/view/69/riprogrammare_sonoff_smart_switch_basic_con_firmware_tasmota

una volta che avrete flashato il firmware TASMOTA sul nodemcu dovrete selezionare la tipologia di scheda utilizzata, per farlo cliccate su CONFIGURAZIONE all'interno del menu' di tasmota 

per poi premere su CONFIGURAZIONE MODULO

selezionate il modulo 18 Generic nell'apposito menù a tendina.

salvate e, se non avete configurato mqtt, tornate in Configurazione e premete su configurazione mqtt 

dove al posto di host inserirete l'indirizzo ip del vostro raspberry

porta lasciate 1883 

client mettete un nome a vostra scelta che potrete poi ripetere in Topic

mentre per utente e password inserirete quelle scelte in fase di configurazione sul raspberry del broker mqtt. Potete trovare la guida qui.

Imposteremo il nostro nodemcu come se i due fili che provengono dal contatto del rele' 26.02 (o in alternativa dal gnd e out dell'optocoupler) andassero a chiudere uno switch e attivassero un rele'. In realtà non collegheremo alcun moduno rele' all'uscita programmata come tale, ma ci servirà il suo stato per comunicare ad Home Assistant tramite mqtt che quello del "relè virtuale" e' cambiato.

Come vi dicevo prima, al nodemcu e' possibile collegare  fino a 4 contatti provenienti dal rele' 26.02 (o dall'optocoupler) di conseguenza altre 4 uscite le programmeremo nell'esempio come rele'. Impostate la pagina di tasmota (quella dove avete scelto il modello del modulo poco sopra) come indicato di seguito:

 

in questo modo avremo selezionato appunto 4 gpio destinate a ricevere i vari fili provenienti dai 4 rele' passo passo finder o dai nostri optocoupler. 

le altre 4 uscite le andremo a programmare come relè alle quali, come spiegavo prima, non collegheremo nulla.

quando salverete e riavvierete tasmota sul vostro nodemcu vi ritroverete di fronte a questa schermata:

noterete che tutti i pulsanti sono su off, se premerete sui 4 pulsanti on/off si attiveranno tutti e 4, fatelo!

Successivamente premete il tasto console, vi ritroverete di fronte ad una schermata del genere:

questi topic li useremo per creare il nostro switch di controllo su Home Assistant. Vediamo come impostarlo: andate sul vostro raspberry al percorso /home/homeassistant/.homeassistant 

nel file switch.yaml se lo avrete creato o nel file configuration.yaml sotto la voce switch (nel caso in cui non avete differenziato la programmazione dei vari file) aggiungete le seguenti stringhe:

  - platform: mqtt
    name: "primagpio"
    state_topic: "stat/nomevostrotopic/POWER1"
    command_topic: "cmnd/nomevostrotopic/POWER1"
    qos: 0
    payload_on: "ON"
    payload_off: "OFF"
    optimistic: false
    retain: true

  - platform: mqtt
    name: "secondagpio"
    state_topic: "stat/nomevostrotopic/POWER2"
    command_topic: "cmnd/nomevostrotopic/POWER2"
    qos: 0
    payload_on: "ON"
    payload_off: "OFF"
    optimistic: false
    retain: true

  - platform: mqtt
    name: "terzagpio"
    state_topic: "stat/nomevostrotopic/POWER3"
    command_topic: "cmnd/nomevostrotopic/POWER3"
    qos: 0
    payload_on: "ON"
    payload_off: "OFF"
    optimistic: false
    retain: true

  - platform: mqtt
    name: "quartogpio"
    state_topic: "stat/nomevostrotopic/POWER4"
    command_topic: "cmnd/nomevostrotopic/POWER4"
    qos: 0
    payload_on: "ON"
    payload_off: "OFF"
    optimistic: false
    retain: true

ovviamente alla voce name inserirete quello che piu vi aggrada per identificare il vostro relè passo passo e in mezzo al comando mqtt dove ho scritto"nomevostrotopic" inserite il nome impostato sul topic di tasmota.

cosi avrete creato i 4 switch che identificano gli switch del nodemcu.

bene, evitate se avete i gruppi di inserirli, questi 4 switch ci serviranno per impostare la regola in uno switch template che vedremo dopo.

Ricordate il Sonoff 4ch pro del nostro schema? Bene, anche quello andrà precedentemente flashato con il firmware tasmota e tramite i dipswitch a bordo del sonoff 4ch pro lo andrà impostato in modalità inching mode (impulso).

successivamente andrete a creare degli script che vi serviranno a lanciare un impulso ad ognuno dei 4 canali del sonoff 4ch pro.

Anche qui andrete sul vostro raspberry al percorso /home/homeassistant/.homeassistant nel file scripts.yaml se lo avrete creato oppure, sotto la voce script: nel file configuration.yaml se non avrete differenziato la programmazione del vostro home assistant ed inserirete le seguenti stringhe:

  strip_led_rgb:
    sequence:
    -  service: mqtt.publish
       data: {"topic":"cmnd/tasmota_4chpro1/POWER1","payload": "on"}

  faretti:
    sequence:
    -  service: mqtt.publish
       data: {"topic":"cmnd/tasmota_4chpro1/POWER2","payload": "on"}

  steampunk:
    sequence:
    -  service: mqtt.publish
       data: {"topic":"cmnd/tasmota_4chpro1/POWER3","payload": "on"}

  portico:
    sequence:
    -  service: mqtt.publish
       data: {"topic":"cmnd/tasmota_4chpro1/POWER4","payload": "on"}
 

ovviamente chiamerete i 4 script come meglio crederete e inserirete al posto di tasmota_4chpro1 il nome che avrete inserito nella configurazione mqtt alla voce topic del vostro 4ch pro.

Anche in questo caso non dovremo inserire gli script in nessun gruppo perchè non dovranno comparire nella nostra pagina di Home Assistant.

Adesso che abbiamo i 4 switch del nodemcu e gli script dei 4ch pro siamo pronti per creare i 4 switch template definitivi.

recatevi nuovamente al percorso /home/homeassistant/.homeassistant, andate dove prima avevate inserito i 4 switch e subito sotto di essi aggiungete le seguenti stringhe.

  - platform: template
    switches:
      steampunk:
        value_template: "{{ is_state('switch.primagpio', 'on') }}"
        turn_on:
          service: script.steampunk
          data:
            entity_id: switch.steampunk_open
        turn_off:
          service: script.steampunk
          data:
            entity_id: switch.steampunk_close 
        icon_template: >-
          {% if is_state('switch.primagpio', 'on') %}
            mdi:lightbulb-on
          {% else %}
            mdi:lightbulb-off
          {% endif %}

  - platform: template
    switches:
      led_cambiacolore:
        value_template: "{{ is_state('switch.secondagpio', 'on') }}"
        turn_on:
          service: script.strip_led_rgb
          data:
            entity_id: switch.led_cambiacolore_open
        turn_off:
          service: script.strip_led_rgb
          data:
            entity_id: switch.led_cambiacolore_close 
        icon_template: >-
         {% if is_state('switch.secondagpio', 'on') %}
           mdi:lightbulb-on
         {% else %}
           mdi:lightbulb-off
         {% endif %}
            
  - platform: template
    switches:
      spot_piloty:
        value_template: "{{ is_state('switch.terzagpio', 'on') }}"
        turn_on:
          service: script.faretti
          data:
            entity_id: switch.spot_piloty_open
        turn_off:
          service: script.faretti
          data:
            entity_id: switch.spot_piloty_close
        icon_template: >-
          {% if is_state('switch.terzagpio', 'on') %}
            mdi:lightbulb-on
          {% else %}
            mdi:lightbulb-off
          {% endif %}
            
  - platform: template
    switches:
      luce_portico:
        value_template: "{{ is_state('switch.quartogpio', 'on') }}"
        turn_on:
          service: script.portico
          data:
            entity_id: switch.luce_portico_open
        turn_off:
          service: script.portico
          data:
            entity_id: switch.luce_portico_close 
        icon_template: >-
          {% if is_state('switch.quartogpio', 'on') %}
            mdi:lightbulb-on
          {% else %}
            mdi:lightbulb-off
          {% endif %}

ovviamente anche qui chiamerete lo switch template come vorrete, alla voce value_template e sotto tra le parentesi dopo if is_state il nome dello switch metterete quello che avrete scelto per gli switch del nodemcu. 

Bene finalmente potrete inserire questi 4 switch nella vostra pagina di Home Assistant all'interno di qualche gruppo. Noterete che quando accenderete la luce o dal pulsante fisico nel muro o dal vostro Home Assistant l'icona della lampadina cambierà segnalando lo stato reale della luce.

Bene amici anche per questa guida e' tutto e come al solito rimaniamo a disposizione per eventuali chiarimenti. Lasciate un messaggio qui o nei commenti del video.

domotica
Sonoff
Arduino
automazioni
casa domotica
Finder 26.02
optocoupler

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

16,900 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,700 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

934 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Categorie
Domotica
149 articoli
L'angolo dei lettori
18 articoli
Audio-Video
17 articoli
Info
16 articoli
Auto-Moto
13 articoli
Promo
12 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1

Supportami