Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Luigi Duchi

Domotica

Come creare i Gruppi all'interno Home Assistant

Data: 18 gennaio 2018

Benvenuti, oggi andremo a vedere come configurare i gruppi in Home Assistant per dividere al meglio i nostri device e organizzare al meglio per sezioni o per stanze tutti i nostri prodotti registrati su HA (Home Assistant).

Appena installato HA noterete come alcuni dei prodotti che abbiamo verranno scoperti senza bisogno di dover fare ulteriori configurazioni. Nella schermata principale del nostro programma si noteranno raggruppati tutti i nostri dispositivi… ciò nonostante spesso si ritiene opportuno creare dei gruppi per meglio organizzare i nostri prodotti, ed ecco che ci viene offerta la possibilità di creare gruppi che, possono essere le singole stanze del nostro appartamento oppure le categorie di dispositivi che vogliamo indicizzare. Io ho optato per questa seconda scelta ma le possibilità sono molteplici, andiamo dunque a vedere come muoverci all’interno del nostro file di configurazione per creare appunto i gruppi.

Per prima cosa apriate il terminale sul vostro Raspberry e digitiate il comando:

sudo pcmanfm (come al solito è necessario ricordare che gli spazi tra un comando e l’altro sono indispensabili) e premete il tasto invio.

questo comando vi permetterà di entrare nel file manager di Raspbian in modalità utente Root in maniera tale da avere i permessi per modificare cartelle e file all’interno del vostro Raspberry.

in seguito dovrete digitare nella barra di ricerca il seguente percorso:

/home/homeassistant/.homeassistant e a seguito premere invio

a questo punto avrete due possibilità:

1. aprire il file groups.yaml e fare la configurazione nel file dei gruppi.

2. aprire direttamente il file configuration.yaml.

La prima scelta vi permetterà di configurare i gruppi nell'apposito file tenendo presente che nel file configuration.yaml dovreste trovare una voce che indica: 

group: !include groups.yaml

in questo modo avrete tutto ciò che riguarda i gruppi in un file separato, tuttavia potrete configurare i gruppi direttamente nel file configuration.yaml, scelta che io ho preferito per avere in un unico file tutta la configurazione di HA.

Se optate per questa scelta dovrete recarvi in configuration.yaml e cancellare la stringa !include groups.yaml

Se come me avrete optato per questa scelta dovrete proseguire premendo invio subito dopo i due punti immediatamente dopo la scritta group, vedrete il cursore andare alla riga subito sotto:

ricordandovi di lasciare due spazi, potrete iniziare il vostro percorso di creazione dei gruppi.

Colgo l'occasione per fare un po di chiarezza sulla corretta sintassi da rispettare all'interno del file configuration.yaml: la storia degli spazi non è affatto casuale, infatti sta ad indicare ad HA che la stringa che andrete a scrivere è in ordine cronologico sotto il comando principale che in questo caso (come potete notare dalla foto) è group:

come noterete dalla foto, il primo gruppo che andremo a creare è una panoramica di tutti i gruppi che abbiamo intenzione di creare appunto la default_view

e l’andremo a configurare come segue:

group:
  default_view:
       view: yes
       icon: mdi:home
       entities:
            - group.esempio1
            - group.esempio2
            - group.esempio3

dove appunto default_view: sta ad indicare la vista di default, il comando view: yes sta ad indicare che vogliamo che sia visibile questo gruppo (per visibile si intende che vogliamo che il nostro gruppo sia una vera e propria pagina e non solo un sottogruppo all’interno di un gruppo, questo lo andremo a vedere dopo) il comando icon: non è obbligatorio lo possiamo sostituire eventualmente con il comando name: e a seguito di uno spazio il nome che si preferisce dare al gruppo. Io ho optato per un icona al posto del nome utilizzando l’icona home (casa), ma è possibile utilizzare tutte le icone di tipologia mdi (material design icon) semplicemente sostituendo la scritta home con uno dei nomi delle mdi che potrete trovare al seguente indirizzo:

https://materialdesignicons.com/

Il comando entities: andrà invece a definire i vari gruppi che saranno all’interno del vostro defaul view: potrete dargli il nome che preferite semplicemente sostituendo il nome (esempio1, esempio2, esempio3) dopo la scritta group

NB. NON FINIRO' MAI DI RIPETERE CHE GLI SPAZI SONO FONDAMENTALI, IL COMANDO VA SCRITTO ESATTAMENTE RISPETTANDO LE DISTANZE DI 2 SPAZI NEI SOTTOCOMANDI.

Bene adesso che abbiamo definito il gruppo principale andiamo a definire il contenuto dei vari sottogruppi, che nel mio esempio ho chiamato group.esempio1, group.esempio2 e group.esempio3. Continueremo quindi premendo invio due volte dopo group.esempio3 e lasceremo 2 spazi come da esempio, in pratica inseriremo il nome ”esempio3” alla stessa distanza dal bordo di default_view:

group:
  default_view:
       view: yes
       icon: mdi:home
       entities:
         - group.esempio1
         - group.esempio2
         - group.esempio3

  esempio3:
      name: stanza delle torture (qui inserirete il nome che preferite, sono permessi gli spazi)
      view: (lasciate vuoto dopo view se volete che questo gruppo compaia nella pagina principale)
      entities: (qua sotto inserirete i vari dispositivi che troverete dove vi indicherò dopo)
          - sensor.temperature_xxxxxxxxxxxxxxx
          - sensor.humidity_xxxxxxxxxxxxx
          - light.yeelight_white_xxxxxxxxxxxxx

le entities: altro non sono che i prodotti che avete configurato in HA. Nelle foto successive vi mostro dove potete trovarli.

potrete ad esempio creare un gruppo con tutte le lampade, oppure tutti i sensori, oppure tutti i prodotti all’interno della medesima stanza ecc, ecc...in base a come preferirete configurare HA.

dopo l’ultima entities di quel gruppo premerete invio due volte e partirete a configurare i successivi gruppi che in questo caso sono group.esempio2 e group.esempio3 ricordandovi di lasciare 2 spazi ogni volta che iniziate un nuovo gruppo.

Quando avrete finito non vi rimarrà che recarvi sul terminale del Raspberry ovviamente non prima di aver salvato il vostro lavoro.

Una volta sul terminale digitate il comando sudo reboot e il vostro Raspberry si riavviaerà e se tutto è andato a buon fine vi ritroverete la pagina principale di HA con tutti i gruppi che avrete creato come da foto:

Se volete creare ulteriori pagine non dovrete far altro che mettere alla voce view: la scritta yes e invece di visualizzarlo nella prima pagina lo vedrete in una pagina accanto (nel mio esempio quella con il simbolo del ghiaccio, ma se non avrete messo il simbolo in formato mdi vedrete il nome che avrete scelto per quel gruppo) se inserirete nelle entities di quel gruppo un gruppo creato ex novo senza inserirlo nelle entities del default_group: lo visualizzerete all’interno della seconda pagina come da esempio:

group:
  default_view:
       view:  yes
       icon: mdi:home
       entities:
            - group.esempio1
            - group.esempio2
            - group.esempio3

 
  esempio3:
      name: stanza delle torture (qui inserirete il nome che preferite potete inserire gli spazi)
      view: yes           
      entitities:
        - sensor.humidity_xxxxxxxxxxxxx
        - light.yeelight_white_xxxxxxxxxxxxx
        - group.esempio 4

  esempio4:
      name: stanza del sesso estremo
      view:
      entities:
        - light.yeelight_rgb_xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
        - light.yeelight_white_xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

spero di essere stato abbastanza chiaro, nel caso riscontrate problemi e HA non vi si avvia ricordate che nel 99% dei casi è un errore di sintassi del file configuration.yaml (magari vi siete dimenticati uno spazio, un trattino, un puntino o avete scritto male una parola…) Non allarmatevi, non lanciate pc/mac/tablet giu dalla finestra, non coniate nuove imprecazioni ma con calma rientrate nel vostro file configuration.yaml e controllate eventuali errori. Per il resto nei limiti del possibile cercheremo di essere a disposizione sia io che Vincenzo.

 

Produrre e aggiornare contenuti su vincenzocaputo.com richiede molto tempo e lavoro. Se il contenuto che hai appena letto è di tuo gradimento e vuoi supportarmi, clicca uno dei link qui sotto per fare una donazione.

domotica
Raspberry
Home Assistant

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Consigliati da noi
Categorie
Domotica
122 articoli
Info
16 articoli
L'angolo dei lettori
15 articoli
Auto-Moto
13 articoli
Audio-Video
12 articoli
Promo
9 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova
Comandiamo un Relè RF eMylo tramite Broadlink RM PRO

Supportami