Come controllare lo Shelly 1 con impronta digitale

Come controllare lo Shelly 1 con impronta digitale

di Vincenzo Caputo

23 Gennaio 2021

Shelly

Vincenzo Caputo

 Tra i tanti sistemi di sicurezza per l'accesso ai dispositivi domotici delle nostre amate Smart Home, un posto importante lo occupa sicuramente il sistema di autenticazione biometrica.

Non dimentichiamoci infatti che, da un lato la domotica ci semplifica la vita liberandoci per esempio dalle decine di chiavi che affollano (e appesantiscono) le nostre tasche e i nostri borselli, dall'altro ci espone ad eventuali violazioni tramite accessi non autorizzati alla nostra casa smart.

Aggiungere dunque un ulteriore livello di sicurezza basato su riconoscimento biometrico ad i nostri attuatori, ci può nello stesso tempo proteggere da accessi non autorizzati e liberarci dai vecchi sistemi di accesso manuale come le buone vecchie chiavi che sembrano veramente non volerci abbandonare mai!

Il riconoscimento biometrico abbraccia tecnologie di vario genere come il riconoscimento facciale, il riconoscimento dell'iride tramite scansione ottica e il riconoscimento dell'impronta digitale di cui ci occuperemo oggi.

Il riconoscimento tramite impronta digitale non è una novità assoluta su questo Blog ed abbiamo avuto più volte l'occasione di approfondire l'argomento applicandolo a diversi campi di utilizzo nelle nostre case Smart.

Alcuni esempi di argomenti già trattati:

Quello che accomuna tutte le guide fino ad ora realizzate per l'implementazione di un sistema di autenticazione biometrica, è una certa complessità nella realizzazione per via della necessità di dover programmare micro-controllori, ecc...

Oggi vedremo come poter aggiungere un sensore di impronte digitali ad un qualsiasi attuatore che accetti in ingresso un pulsante.

Come esempio useremo uno Shelly 1.

Per fare quello che ho appena descritto ci serviremo di una scheda di controllo chiamata K202 e di un sensore di impronte chiamato R503.

Diamo uno sguardo a questi due componenti

La scheda di controllo K202 è alimentata a 12V DC e monta a bordo un rele da 10A di tipo NC-Com-NO.

Scheda k202
Scheda K202 vista posteriore

Inoltre sulla scheda è possibile trovare un pulsante che serve alle operazioni di reset e alle operazioni di memorizzazione delle impronte.

Dettaglio scheda K202

Nelle precedente immagine è possibile anche scorgere una piccola vite a taglio che permetterà di impostare il tempo (0,5 a 13 secondi) di chiusura del relè una volta innescato il riconoscimento dell'impronta digitale.

Il modulo R503 invece non è altro che un sensore di impronte digitali che può essere collegato facilmente sulla scheda di controllo K202 tramite un connettore già predisposto.

Lettore di impronte R503

Questo sensore è realizzato in metallo e possiede un anello filettato che permette di fissare il sensore su di una porta o qualsiasi altra superficie forata in precedenza per l'applicazione.

Il bordo della parte sensibile al tocco è circondata da un anello retroilluminato che, tramite indicazione luminosa di vari colori, ci indicalo lo stato del sensore.

  • letture impronta in corso (viola)
  • lettura fallita (rosso)
  • lettura avvenuta con successo (blu)
  • stato di memorizzazione di nuove impronte (lampeggio blu rapido)

COME FUNZIONA IL SISTEMA

Appena alimentato alla 12V e acceso, il sistema non contiene alcuna impronta digitale memorizzata.

Sarà sufficiente premere per pochi istanti il pulsante sulla scheda K202 per vedere l'anello del sensore di impronte lampeggiare di colore blu molto velocemente.

A questo punto basterà posare il dito sul sensore ottenendo in sequenza 5 bip.

Al termine dei bip l'impronta sarà memorizzata.

Basterà ripetere l'operazione quante volte si vuole per diverse impronte (massimo 120).

A questo punto basterà posare il dito sul sensore per ottenere la chiusura del relè a bordo della scheda di controllo.

Sarà praticamente come avere a disposizione un pulsante (cioè un contatto che si chiude e si riapre), ma con attivazione tramite impronta digitale.

Il tutto senza scrivere neanche una riga di codice.

Questo sarebbe già sufficiente di per se per aprire un cancelletto, un portone o qualsiasi serratura che abbia bisogno di un singolo input per fare scattare la serratura.

Ma, aggiungendo un attuatore Smart come uno Shelly 1 (o un Sonoff mini) potremo ottenere contemporaneamente anche il controllo remoto.

COME FARE

Seguite il seguente schema per i collegamenti.

Schema di collegamento allo Shelly 1

In questo caso ho usato la 12V anche per lo Shelly 1 visto che la scheda K202 richiede la 12V.

Vi ricordo che per impostare lo Shelly 1 per il funzionamento a 12V dovrete aprire il coperchietto dello Shelly, semplicemente tirando, spostiare quindi il ponticello che vi permetterà di lavorare a 12V, nell’immagine sotto vi mostro la posizione finale:

Come controllare lo Shelly 1 con impronta digitale

Per rilevare un cambiamento di stato, lo Shelly 1 ha bisogno del ritorno del GND, quindi sfrutteremo il relè a bordo della scheda K202 mettendo nel comune (COM) il negativo direttamente dall’alimentatore, mentre l’uscita, dal NC, andrà appunto allo Shelly 1 nel connettore SW. Il collegamento può essere fatto anche al contrario: NC negativo in ingresso e COM negativo in uscita verso SW dello Shelly.

A questo punto, non appena verrà riconosciuta una impronta digitale, il relè a bordo della K202 si chiuderà, lascerà passare il negativo che giungerà sul morsetto SW dello Shelly 1 che reagirà in base a come è programmato nella sua App.

Qui di seguito un video dove mostro il sistema in funzione. Buona visione!

Produrre e aggiornare contenuti su vincenzocaputo.com richiede molto tempo e lavoro. Se il contenuto che hai appena letto è di tuo gradimento e vuoi supportarmi, clicca uno dei link qui sotto per fare una donazione.

Vincenzo Caputo

Vincenzo Caputo

Nato a Matera, il 1° novembre 1977. Sono da sempre appassionato di tecnologia e ho un'esperienza lavorativa ventennale nel settore IT. Mi piace sperimentare e cercare sempre nuove soluzioni e soprattutto mi piace comunicare le mie esperienze agli altri.

Disqus loading...