Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Vincenzo Caputo

Domotica

Come realizzare un Termostato Smart con Tasker

Data: 20 marzo 2017

Le cose di cui hai bisogno per realizzare questo progetto:

 Dopo aver visto come poter leggere la temperatura interna della nostra abitazione direttamente all'interno di Tasker (conservando il suo valore in una variabile) tramite il Broadlink A1 o tramite la realizzazione di un termometro digitale con Raspberry viene spontaneo passare al passo successivo, cioè utilizzare questo dato per gestire il nostro sistema di riscaldamento a caldaia, naturalmente sempre tramite l'immancabile Tasker!
 
Prima di cominciare ad operare facciamo un po' di chiarezza sul funzionamento base della maggiorparte delle caldaie, anche le più vecchie. Di solito la caldaia è collegata ad un termostato che non fa altro che chiudere un contatto (unire due fili per dirla breve) quando la temperatura scende sotto una certa soglia (preimpostata). Quindi è corretto dire che dal termostato partono due fili che arrivano in caldaia. Se prendessimo manualmente questi due fili e li unissimo vedremmo la caldaia partire viceversa la vedremmo spegnersi. Detto ciò possiamo ben immaginare che questa operazione potremmo farla operare ad un relè e ce ne sono in commercio alcuni già dotati di connessione WiFi. Tuttavia in questo caso useremo come attivatore una presa WiFi Smart per il semplice motivo che la sua configurazione è alla portata di tutti e non bisogna essere esperti informatici per metterla in funzione.
Quindi installeremo in ordine presa WiFi che (a seguito di comando da Tasker) attiverà la bobina 220v del relè che a sua volta farà chiudere il contatto ed accendere la caldaia.
Il relè proposto nel video è un relè cosidetto passo passo. In questa guida vi invito ad usare invece un classico relè come quello che vi ho indicato nella "lista della spesa" in alto. Il motivo di questo "cambio di rotta" sta nel fatto che a seguito di prove effettuate nel tempo, ho notato che in rari casi il ciclo accensione spegnimento della caldaia può invertirsi. Infatti con un relè passo passo non abbiamo necessariamente la corrispondenza presa wifi accesa relè chiuso e viceversa.
 
Effetuiamo i collegamenti in caldaia:

Come potete osservare nel video in coda a questo articolo, dobbiamo individuare in caldaia i due fili che arrivano dal termostato. Se non siete sicuri in questa fase riguardo a quali fili toccare, fatevi aiutare da un esperto. Ricordate che in caldaia arriva anche la 220v per questo fate molta attenzione. Una volta indiviaduati i contatti giusti, scollegate i fili che arrivano dal termostato collegate due nuovi fili elettrici che dall'altro capo colegherete al relè. Per una migliore comprensione fate riferimento all'immagine qui sotto. 
Se avete effettuato bene i collegamenti all'accensione della presa smart otterrete l'accensione della caldaia.
 
Configuriamo Tasker per impostare la temperatura desiderata:

Nel video in coda a questo articolo vedrete la vecchia versione del sistema dove ho utilizzato un Galaxy S4 come termometro digitale. Come ho accennato in apertura, in seguito, ho proposto soluzioni alternative per la rilevazione della temperatura ambiente e il task che allego per facilitarvi la replicazione del progetto prevede proprio l'utilizzo del Broadlink A1.
Scaricate i seguenti Task e importateli all'interno di Tasker

Download Task Caldaia

Download Caldaia ON

Download Caldaia OFF


Vi ricordo che per importare il task dovete fare un tap prolungato sul tab Tasks in alto e al rilascio scegliendo la voce "import" nel menu contestuale conseguente.

Il task naturalmente andrà personalizzato sia negli intent (che fanno riferimento alla mia presa smart) sia riguardo all'azione di lettura del sensore di temperatura (Broadlink A1).
Per ottenere i parametri per il vostro intent procedete così: installate l'app AutomationManager for IoT (nel mio caso sul tablet dedicato dentro casa) e aggiungete i dispositivi facendoli rilevare automaticamente all'interno della rete facendo tap sulla lente di ingrandimento in alto a destra e scegliendo la voce "find new wemos". Una volta che compare la lista dei dipositivi disponibili fate tap su quello interessato e selezionate la voce "intents". Selezionate il tipo di intent che volete utilizzare (ON, OFF) e copiate la stringa. All'interno di Tasker useremo l'azione "Send Intent" incollando la stringa appena copiata nel campo "action". Nel campo "extra" invece dovete copiare la stringa UDN disponibile sempre nell'app AutomationManager for IoT come fatto in precedenza.
Quando il task è funzionante (verificate lanciandolo manualmente) provvederte a creare un profilo di tipo time che esegue il task ogni 2 minuti.

Importate il task per l'impostazione della temepratura desiderata

Download task Temp

Collegatelo come widget sulla vostra home. Vi ricordo che i widget di tasker li trovate tra i widget di Android al gruppo Tasker alla voce "collegamento attività".
Alla pressione di questo widget vi verrà richiesto di digitare il valore della temperatura desiderato e vi verrà restituito un messaggio vocale con la conferma della vostra scelta.

Scaricate se vi fa piacere lo stesso sfondo che ho utilizzato io per la home dedicata al termostato
 

Vi ricordo che all'interno dei task troverete delle azioni che si riferiscono a zoom widget, un app che si integra perfettamente con tasker per realizzare e modificare widget sulla vostra home. Il widget in questione è quello che vedete nel video segnalare la temepratura interna rilevata. Per i dettagli sul funzionamento di questo widget realizzerò un articolo deidcato.
 
Non mi rimane che augurarvi una buona visione!
 

domotica
tasker
Raspberry

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

16,900 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,700 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

934 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Consigliati da noi
Categorie
Domotica
149 articoli
L'angolo dei lettori
18 articoli
Audio-Video
16 articoli
Info
16 articoli
Auto-Moto
13 articoli
Promo
12 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1

Supportami