Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Luigi Duchi

Domotica

Come integrare Xiaomi Vacuum in Home Assistant e come comandarlo vocalmente

Data: 22 febbraio 2018

Buona sera ragazzi, mi ritrovo di nuovo a scrivere una (spero utile) guida. Questa volta concentreremo il nostro lavoro per integrare l'aspirapolvere robotico marchiato Xiaomi in Home Assistant, vedendo anche come gestirlo tramite comandi vocali.

Per permettere questa operazione partiremo dalla configurazione sul nostro file CONFIGURATION.YAML. La procedura per arrivare al nostro oramai famoso file é sempre la stessa: da terminale del Raspberry digitate il comando sudo pcmanfm e premete invio, in seguito sarà necessario andare in questo percorso home/homeassistant/.homeassistant e cliccare sul nostro file.

Necessiterete di due valori: l'indirizzo IP del robot e il token segreto.

L'indirizzo IP lo reperirete facilmente, vi basterà semplicemente aprire l'applicazione mihome, premere sull'icona del vaccum (che ovviamente avrete già configurato), in seguito premerete l'icona a forma di cerchio con all'interno i tre puntini, situato in alto a destra, successivamente premete su General setting e poi su network info.

Per quanto riguarda il token vi rimando alla guida su come estrarlo che potete consultare QUI

Una volta che avrete questi dati andremo a compilare il nostro file configurato.yaml inserendo questa stringa:

 vacuum:

   - platform: xiaomi_miio

     host: indirizzo ip vacuum

     token: token segreto

     name: Nome che volete dare al vacuum

Successivamente non vi resta che salvare il file e riavviare il servizio di Home Assistant.

Al riavvio del programma noterete comparire il vostro vacuum tra i dispositivi disponibili nella home page di HA, adesso avrete il pieno controllo del vostro dispositivo...

A questo punto procederemo per integrare i comandi vocali di Google Assistant con il nostro vacuum,tramite IFTTT

Comandi vocali vacuum con IFTTT:

per prima cosa andate alla pagina di IFTTT al seguente indirizzo:

https://ifttt.com/discover

loggatevi con il vostro account, se non ne avete uno createlo.

Una volta loggati cliccate su My applets 

poi su services

 dopo premete su all service

digitate nella barra la scritta google assistant e cliccate nella relativa icona

premete su connect

ed infine accettate premendo il tasto allow

una volta aggiunto Google Assistant al vostro account IFTTT dovrete aggiungere un ulteriore servizio, perciò tornate su all service e questa volta nella barra di ricerca andrete a digitare il nome di un altro servizio chiamato webhooks

cliccate sulla relativa icona e dopo selezionate il tasto connect

Adesso che abbiamo configurato questi due servizi sul nostro account IFTTT andremo a configurare il servizio IFTTT sul nostro Home Assistant, se precedentemente avete gia svolto questa operazione saltate il passaggio.

Home Assistant e IFTTT devono comunicare tra loro per far questo avremmo bisogno della medesima password personale che potrete trovare sul servizio webhooks

per fare ciò ritornate sulla pagina principale della vostra pagina IFTTT

cliccate su my applets e dopo su services

noterete adesso che la pagina dei vostri servizi registrati mostrerà appunto l'icona di webhooks

cliccateci sopra e premete il tasto settings in alto a destra.

nella pagina che vi si presenterà dovrete copiare cio che vi si presenterà al posto della scritta your_ifttt_special_password

bene una volta copiato tornate al vostro file configuration.yaml  e aggiungete la seguente stringa:

ifttt:

  key: password che avrete preso dal setting di webhooks

salvate e riavviate i servizi di Home Assistant.

benissimo, adesso che avete configurato tutto, non vi rimane che configurare il trigger su ifttt, per farlo recatevi di nuovo nella home page di IFTTT.

cliccate su my applets, poi su new applet

vi troverete di fronte la consueta frase di ifttt appunto if this then tath

cliccate su this

cercate il servizio google assistant e cliccateci sopra

poi selezionate la prima delle 4 modalità ovvero say a simple phrase

si aprirà un riquadro che vi chiederà: What do you say? ovvero il comando che vorrete impartire a Google Assistant per attivare il trigger io ad esempio ho messo "start cleaning" 

potrete impostare anche cio che Google Assistant vi risponderà una volta recepito l'ordine compilando sotto la domanda What do you want the Assistant to say in response? 

purtroppo per il momento le lingue compatibili sono solamente Inglese, Tedesco, Francese e Giapponese.

Benissimo adesso cliccate su that 

cercate il servizio webhooks e cliccateci sopra, poi cliccate sull'unico riquadro che vi verrà proposto ovvero Make a web request e compilate come da esempio sostituendo i vostri dati come mostrato di seguito

nella casella url dove nell'esempio troverete scritto your_hostname , andrete ad inserire l'indirizzo ip del vostro Home Assistant, seguito dalla porta del servizio (es. 192.168.1.187:8123) anche se sarebbe preferibile utilizzare un ddns al posto del indirizzo ip ad esempio ddnsdavoicreato.ddns.net:8123. Sempre nel riquadro url dove nell'esempio troverete scritto http_password non farete altro che inserire la password per accedere ad Home Assistant .

Sotto la voce body invece andrete ad inserire il vostro entities del vacuum. Dove trovarlo? Semplice aprite Home Assistant andate nel menù a tendina sulla sinistra e sotto la scritta developer tools selezionate la seconda icona, quella chiamata states scorrendo le varie entities troverete quella relativa al vostro vacuum (es. vacuum.nomeassegnato) quindi andrete a compilare come da foto la voce body sostituendo con il nome del vostro vacuum. A questo punto premete su create action andando a finalizzare l'operazione. Fatto questo passaggio levate la spunta alla notifica ogni volta che il servizio viene eseguito e premete sul tasto finish. Il vostro trigger è pronto, potrete crearne uno ad esempio per fermare la pulizia e far ritornare il robot alla base di ricarica ripartendo da capo con un nuovo applet, ovviamente la frase di attivazione dovrà essere diversa ad esempio stop cleaning e ovviamente nell'url del webhooks dovrete cambiare turn_on in turn_off. 

Una volta creati i comandi di ON e OFF potrete richiamare Google Asistant sul vostro telefono (se avrete il telefono con lingua inglese impostata) oppure da un dispositivo Google Home mini/Google Home maxi/Google Home con la classica frase hey google e pronunciare la frase scelta per attivare il trigger ad esempio start cleaning e se tutto è andato a buon fine il vostro vacuum inizierà a pulire.

Sostituire la voce del robot con voci italiane:

Ci potevamo accontentare di gestire il nostro vacuum da Home assistant? Sarebbe stato sufficiente poterlo gestire con comandi vocali? La risposta é: decisamente NO!!!

Ecco che in nostro aiuto con il suo splendido lavoro arriva xCape, per chi non lo conoscesse XCape e' un programmatore molto attivo nelle traduzioni nel mondo xiaomi, ha creato infatti una versione completamente in italiano della applicazione Mihome. La traduzione dell'app e' solo la punta dell'iceberg del suo lavoro,infatti ha creato firmware tradotti per molti dei dispositivi Xiaomi e ha creato un programma chiamato replacer, questo programma permette oltre di scaricare i vari plug-in dei dispositivi all'interno di mi home completamente tradotti in italiano anche di cambiare la voce al nostro amato Vacuum Xiaomi. vi esorto a iscrivervi al suo canale telegram e' sempre molto disponibile e soprattutto molto molto competente. Lo potrete trovare qui: t.me/xcape4xiaomi 

ma vediamo nel dettaglio come caricare le voci italiane nel nostro robot:

- Purtroppo Xiaomi ha tolto l'accesso diretto ai dispositivi dalla versione 5.1.0 quindi è necessario installare una versione inferiore (ad esempio https://t.me/xcape4xiaomi/27123)
- Scaricare Replacer (pacchetto base + update 136 o superiore) ed estrarre entrambe in c:xcapesoft
- potrete trovare il programma replacer QUI (lo troverete all'interno della cartella xC-Replacer sono i due file nella cartella di destra) scompattate prima il pacchetto base e successivamente l'aggiornamento nel solito percorso e confermate la sostituzione dei file quando ve lo chiederà
- Collegare il cellulare (quello dove avrete installato la versione mod di mihome)al pc con USB Debug attivo
- Avviare replacer
- assicurarsi che il telefono sia riconosciuto dal programma
- Toccare la rotella in basso a sx di replacer e scegliere menu hack>Vacuum voice package
- Nella finestra che si apre, clikkare 'scarica add-on' e attendere la spunta verde
- Scaricare una o più voci (è possibile anche ascoltare una demo, prima di scaricarla)
- Avviare la procedura che consiste in fare un backup di Mihome nel telefono (per l'estrazione del token) e l'avvio di MiRobo
- Seguire le istruzioni a schermo

Se tutto va liscio avrete la vostra lingua italiana sul Robot.
Non è mai stato registrato nessun problema a nessun Robot durante il betatest
Cambiare lingua dall'applicazione significa perdere la lingua ITA.

Una volta completata la procedura potrete se volete cancellare la versione moddata di mihome erimettere l'originale senza perdere la possibilità di avere la lingua italiana del vacuum

EDIT: Se notate che il messaggio di avvio del robot rimane in cinese non vi preoccupate e' un messaggio che xiaomi ha inserito in occasione del capodanno cinese andrà via a fine mese se cosi non fosse il mese prossimo ripetete la procedura.

domotica
Raspberry
Xiaomi

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

16,900 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,700 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

934 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Categorie
Domotica
149 articoli
L'angolo dei lettori
18 articoli
Audio-Video
17 articoli
Info
16 articoli
Auto-Moto
13 articoli
Promo
12 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1

Supportami