Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Vincenzo Caputo

Guide

Come realizzare un sensore di pioggia Smart con uno Shelly 1

Data: 11 febbraio 2020

 Vi è mai capitato che non vi siate accorti che stesse piovendo e qualcosa lasciata distrattamente fuori si è bagnata irrimediabilmente?

Oppure che il vostro impianto di irrigazione del giardino sia partito ugualmente all'orario stabilito nonostante stesse piovendo?

O ancora, avete mai sentito la moglie sbraitare perchè aveva appena finito di pulire i vetri e una pioggia improvvisa li ha macchiati tutti da capo?

Naturalmente sono solo alcuni degli esempi nei quali un sensore di pioggia intelligente sarebbe utile.

In commercio ci sono diverse tipologie di sensori di pioggia, ma come di consueto su questo Blog, proporremo un fai da te molto economico e con componenti di facilissima reperibilità sul web.

Cosa ci serve per realizzare questo progetto:

  • Rele 12V (la fotoresistenza non servirà in questo progetto ma è comunque in dotazione)

https://amzn.to/37oPA3G

  • Un sensore di pioggia

https://amzn.to/37gQmzF

  • Shelly 1

https://amzn.to/2SH2Ahz

Diamo un'occhiata ai dispositivi che abbiamo comprato.

Il cuore del sistema è un relè 12V che abbiamo già avuto modo di osservare in funzione nel progetto della Barriera Laser che linko qui di seguito nel caso ve lo siate perso.

Come costruire una barriera LASER a monitoraggio remoto con uno Shelly 1

Barriera Laser DIY - ulteriori test ed evoluzioni sempre con Shelly 1

Di questa scheda non useremo naturalmente la fotoresistenza che faceva cambiare di stato il relè a bordo.

Se avete letto gli articoli sulla barriera laser, saprete che il relè a bordo della scheda è di tipo NO (normalmente aperto), COM (comune) e NC (normalmente chiuso). In questo tipo di relè non è presente alcun tipo di tensione in uscita, quindi i contatti NC-COM o NO-COM sono contatti puliti. 

Sfutteremo il connettore a bordo della scheda (quello dove andrebbe collegata la fotoresistenza) per collegare il sensore di pioggia

Accanto al connettore possiamo osservare una piccola rotella che serve a tarare la sensibilità della sensore di pioggia. Potremo quindi ottenere una reazione ad una sola goccia di pioggia, oppure sarà necessario che il sensore sia molto bagnato perchè il relè a bordo della scheda di controllo cambi di stato.

Altro componente necessario al funzionamento del sistema è proprio il sensore di pioggia.

Concettualmente questo compoente è molto elementare: è formato infatti da due conduttori che formano una griglia abbastanza fitta ma che non si toccano mai. Sarà prioprio la pioggia ed aggiungere quei punti di contatto (e conduttività elettrica) che faranno chiudere il circuito.

I due fili in uscita andranno collegati al connettore della scheda di controllo a 12V. Quel piccolo circuito aggiuntivo che vedete nella foto potete metterlo da parte, per questo progetto non sarà necessario usarlo.

In ultimo abbiamo lo Shelly 1 che ci servirà ad attivare il monitoraggio remoto e a ricevere una notifica sul nostro Smartphone nel caso in cui il sensore di pioggia venga bagnato oppure di attivare altri tipi di scene a piacimento.

Ho scelto lo Shelly 1 perchè può lavorare a 12V nativamente quindi non avremo bisogno di ulteriori trasformatori e potremo operare con meno componenti.

Come prima cosa dobbiamo aprire il coperchietto dello Shelly, semplicemente tirando, spostiamo quindi il ponticello che ci permetterà di lavorare a 12V, nell’immagine sotto vi mostro la posizione finale:

Procediamo quindi con i collegamenti:

 
 
Come è possibile vedere nell’immagine, la scheda a cui è collegato il sensore di pioggia, ha al suo interno un relè. Appena viene alimentata naturalmente i contatti NC e COM sono chiusi. In questo stato il sensore di pioggia non è attivo il che significa che "non sta piovendo".
 
Quando alcune gocce di pioggia (o molte gocce in base a come avete impostato la sensibilità delle scheda) colpiscono il sensore, il relè scatta e i contatti che si chiudono sono il COM e il NO. In questo stato il risultato è "sta piovendo!".
 
Ricapitolando:
 
NC e COM chiusi = Non sta piovendo
NO e COM chiusi = Sta piovendo!
 
Lo Shelly 1 per il monitoraggio quindi dovrà controllare che vi sia contatto tra NC e COM
 
Per rilevare un cambiamento di stato, lo Shelly 1 ha bisogno del ritorno del GND, quindi sfrutteremo il relè a bordo della scheda con sensore di pioggia mettendo nel comune (COM) il negativo direttamente dall’alimentatore, mentre l’uscita, dal NC, andrà appunto allo Shelly 1 nel connettore SW. Il collegamento può essere fatto anche al contrario: NC negativo in ingresso e COM negativo in uscita verso SW dello Shelly.
 

Configurazione software

Terminati i collegamenti, passiamo ora alla configurazione dello Shelly 1.
Come prima cosa dovete includere nella vostra rete lo Shelly come ha spiegato Luigi in questo articolo:

http://www.vincenzocaputo.com/picoblog/view/130/tutti_pazzi_per_shelly_-_la_nostra_prova_dello_shelly_1

Assicuratevi successivamente che nelle impostazioni dello Shelly abbiate configurato il BUTTON TYPE su TOGGLE SWITCH

Potrete ora creare una scena come quella che segue:

 
A questo punto quando il sensore di pioggia verrà bagnato otterrete l'accensione dello Shelly 1 con conseguente notifica.
 
Naturalmente la notifica è il minimo che potete ottenere in caso di pioggia. Potreste per esempio evitare che l'irrigazione del giardino parta spegnendo lo Shelly che comanda l'elettrovalvola, oppure azionare tutti gli Shelly 2.5 per tirare giù le tapparelle, ecc..
 
Nel video seguente potrete osservare il sistema in azione! Buona visione!

domotica
Casa Smart
Shelly Cloud
shelly 1
Sensore pioggia

Vincenzo Caputo

Nato a Matera, il 1° novembre 1977. Sono da sempre appassionato di tecnologia con esperienza lavorativa ventennale nel settore IT. Mi piace sperimentare e cercare sempre nuove soluzioni e soprattutto mi piace comunicare le mie esperienze agli altri.
Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

18,800 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,700 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

1,000 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Categorie
Zemismart
33 articoli
Guide
24 articoli
Home Assistant
23 articoli
Domotica
22 articoli
Audio-Video
21 articoli
Sonoff
20 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova

Supportami