Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Vincenzo Caputo

Guide

Shelly 1 per trasformare un vecchio Citofono Urmet in un Citofono Smart

Data: 15 marzo 2020

Mi dedico alla domotica amatoriale, e alla divulgazione online di quello che sperimento, da circa 5 anni.

Uno dei primi video che ho realizzato e di cui vado molto orgoglioso, illustrava proprio un sistema di apertura automatica del portone di casa mia.

Ricordo che quel video 5 anni fa era piaciuto veramente a tanti, non tanto per la complessità del progetto, quanto per l'originalità dell'idea.

5 anni non sembrano poi tanti, ma 5 anni fa chiedere al proprio smartphone vocalmente di aprire, ed ottenere l'apertura del portone, faceva ancora un certo effetto.

Oggi siamo tutti abituati a pronunciare "ok Google fai questo" oppure "Alexa fai quello" e nessuno più si meraviglia di parlare con un assistente vocale che esegue svariati compiti tra cui azionare attuatori che aprono porte o tirano giù tapparelle, ecc...

In ogni caso quel primo sistema che avevo realizzato ha visto parecchi aggiornamenti e revisioni, ma tutte basate sullo stesso principio: installare un pulsante smart in parallelo all'apriporta manuale del citofono.

Che il pulsante poi fosse un Sonoff, un relè eMylo, uno Shelly 1 poco importava!

Qualche settimana fa un utente mi ha chiesto, tramite un messaggio su un nostro video sul canale YouTube, se si potesse in qualche modo intercettare anche la pressione del pulsante sul posto esterno del citofono.

Il posto esterno, per intenderci, è la parte del citofono che è per strada, quella che usa chi suona fuori casa, il postino o l'esattore delle tasse!!!

Ricevere una notifica alla pressione di quel pulsante ci darebbe la possibilità di sapere che qualcuno ci sta cercando e magari darci l'opportunità di sbirciare da una webcam chi è alla porta ed eventualmente aprire.

Sappiamo naturalmente che esistono soluzioni smart già belle e pronte con tanto di videochiamata tramite app, ma come ben sapete, lo spirito di questo Blog è orientato al fai da te.

Andiamo dunque a vedere cosa ho combinato con uno Shelly 1 per domotizzare un vecchio citofono Urmet 1130.

COSA TI SERVE PER REALIZZARE QUESTO PROGETTO

  • Uno Shelly 1

https://amzn.to/33hbTYw

  • Un regolatore di tensione AC-DC

https://amzn.to/3aWOrCF

  • Un Optocoupler

https://amzn.to/2IM9c7V

  • Un alimentatore 12V DC

https://amzn.to/2TSKYPY

Cerchiamo di dare un occhio da vicino a tutti i componenti usati e spieghiamo bene a cosa servono e come li abbiamo utilizzati.

Lo Shelly 1 credo che non abbia bisogno di presentazioni, in ogni caso qui di seguito indico l'articolo e relativo video in cui ne abbiamo già parlato:

https://www.vincenzocaputo.com/shelly/tutti-pazzi-per-shelly-la-nostra-prova-dello-shelly-1-130

https://www.youtube.com/watch?v=Lb9KVNrN39I&feature=emb_logo

Concentriamoci ora sugli altri componenti:

Per prima cosa, quando ho deciso di cimentarmi in questo progettino, mi sono armato di multimetro che capire che tipo di alimentazione elettrica ci fosse nel mio citofono ed eventualmente adeguarmi di conseguenza.

Cercando online ho reperito le seguenti info riguardo alla morsettiera del mio citofono:

1 fonia in entrata, questo cavo ci consente di ascoltare i messaggi dall’esterno.
2 fonia in uscita, questo cavo ci consente di trasmettere i messaggi all’esterno.
6 comune, questo cavo è collegato alla massa e permette il funzionamento del citofono.
7 chiamata, questo cavo invia la chiamata dalla pulsantiera esterna al citofono.
9 apriporta, questo cavo invia il comando di apertura al portone.

Mi sono soffermato sul morsetto numero 7 che è quello che permette al ronzatore (la suoneria) del citofono di suonare. Ho scoperto che quando viene premuto il pulsante di chiamata sul posto esterno, sul morsetto 7 del posto interno viene rilevata una tensione di 12V AC.

Quanto il punsate sul posto esterno viene rilasciato, la tensione torna a 0.

Ottimo! proprio quello che cercavo!

Ora ci resta solo da capire come usare la 12V che arriva al ronzatore che non è continua ma alternata.

Come sicuramente già sapete, lo Shelly 1 è sensibile alla 12V DC (direct current) in ingresso sul morsetto SW, ne consegue che non possiamo collegare tale ingresso direttamente sul ronzatore che è AC (alternating current).

La tensione alternata, a differenza della continua, ha un andamento alternato, non è stabile nel tempo, ma alterna il suo valore da un massimo positivo, ad un massimo negativo, nel nostro caso +12V -12V.

Qui entra in gioco il secondo dispositivo che ho indicato nella lista: il regolatore di tensione AC-DC.

Questa schedina è in grado di accettare in ingresso corrente AC o DC a vari voltaggi ed erogare in uscita corrente DC regolandone la tensione a piacimento tramite una rotellina azionabile manualmente. Ha a bordo anche un piccolo display che indica la tensione in uscita.

Tensione in ingresso: CC: 0-30V; AC: 0-22V
Tensione di uscita: DC 1.25-28V
Corrente di uscita: 2A (max.)

A questo punto in teoria saremmo a posto, abbiamo la corrente continua che ci serve per "stimolare" lo Shelly 1

Peccato che lo Shelly 1 collegato all'uscita DC di questa scheda (sempre sul morsetto SW) non "sente nulla". 

Misurando con il multimetro mi sono accorto che l'erogazione della 12V in uscita non è istantanea ma piuttosto graduale e probabilmente lo Shelly 1 gradisce invece una botta secca 0-12V.

Qui entra in gioco il terzo dispositivo, un semplice relè che interrompa la -12V proveniente direttamente dall'alimentatore esterno che alimenta lo Shelly 1 e che alla sua accensione la faccia passare verso lo Shelly 1 (morsetto SW).

In questo modo avremo la "botta secca" che ci serve ad eccitare lo Shelly.

Ricapitolando: Sul ronzatore del citofono collegheremo il regolatore di tensione e in uscita al regolatore di tensione collegheremo l'Optocoupler che poi ecciterà il morsetto SW dello Shelly 1.

Lo Shelly 1 sarà alimentato da una 12V esterna al citofono e il suo contatto pulito (morsetti 0 e 1) sarà collegato ai morsetti del citofono 6 e 9 (l'apriporta).

Di seguito lo schema riassuntivo di tutto quello che ho descritto:

Vi ricordo che lo Shelly 1 va impostato per lavorare a 12V tramite apposito ponticello. Aprite il coperchietto dello Shelly, semplicemente tirando, spostate quindi il ponticello come mostrato nell’immagine sotto:

Vi faccio notare che sia il regolatore di tensione che l'optocoupler saranno praticamente sempre spenti perchè, come vi ho già detto, prendono in cascata alimentazione dal ronzatore.
 
Il ronzatore viene attivato solo quando qualcuno preme il pulsante di chiamata al posto esterno e solo finchè il pulsante non viene rilasciato. In questo breve lasso di tempo i due dispositivi si alimentano e danno l'impulso allo Shelly 1 che può reagire mandandoci una notifica: "Stanno suonando al citofono!"
 
In condizioni normali lo Shelly 1, al segnale sul morsetto SW, chiuderebbe il suo contatto pulito aprendo il portone. Perchè questo non avvenga dovrete impostare all'interno dell'app Shelly Cloud, all'impostazione TIPO PULSANTE, il modo Detached Switch.

In questo modo il morsetto SW verrà sollecitato, ma il relè interno non scatterà.

Avremo quindi separato le funzioni di "stanno suonando al citofono", "apri il portone".

A questo punto abbiamo bisogno di ricevere una notifica quando qualcuno suona al citofono.

Per l'occasione ho usato il servizio IFTTT tramite Webhooks e Telegram. Il risultato lo potete osservare nel video in coda all'articolo.

Vi rimando a quest'articolo scritto da Luigi Duchi per ulteriori dettagli su come fare con i dispositivi della famiglia Shelly.

Shelly e IFTTT - Si può? Scopri come fare con questa guida!

Ultimissima indicazione:

Nelle impostazione dello Shelly 1 (dentro l'app Shelly CLoud) alla voce TIMER impostate un autospegnimento di 1 secondo, in maniera tale che, dopo aver premuto il pulsante per aprire il portone, il relè si disattivi in automatico dopo un secondo.

 

Adesso potete godervi il video dove potrete osservare il sistema in funzione. Buona visione!

domotica
Telegram
Casa Smart
IFTTT
Shelly Cloud
shelly 1
webhooks
urmet 1130
Citofono

Vincenzo Caputo

Nato a Matera, il 1° novembre 1977. Sono da sempre appassionato di tecnologia con esperienza lavorativa ventennale nel settore IT. Mi piace sperimentare e cercare sempre nuove soluzioni e soprattutto mi piace comunicare le mie esperienze agli altri.
Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

19,900 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,850 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

1,022 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Categorie
Zemismart
34 articoli
Guide
31 articoli
Home Assistant
26 articoli
Domotica
23 articoli
Audio-Video
22 articoli
Sonoff
21 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova

Supportami