Questo sito si serve dei cookie tecnici di Google per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione si acconsente tacitamente al loro uso.
Informativa estesa

Cookie Policy
Uso dei cookie

Il "Sito" (www.vincenzocaputo.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.vincenzocaputo.com. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.vincenzocaputo.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Tipologie di Cookie
Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. www.vincenzocaputo.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.vincenzocaputo.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.vincenzocaputo.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Ultimo aggiornamento 8 marzo 2016

<Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/Pstrong7191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/Pstrong9214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo info@nibirumail.com. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

Questa pagina è stata generata ed è ospitata sul portale nibirumail.com - Il contenuto di questa pagina è stato generato 08 marzo 2016 attraverso il servizio Cookie Policy Generator. Il marchio Nibirumail e le aziende ad esso collegate non sono responsabili per informazioni erronee o non più aggiornate. Se desideri ricevere una versione aggiornata di questi contenuti contatta il proprietario di dalla pagina precedente.

OK

di Vincenzo Caputo

Tasker

Come gestire lo Shelly 1 direttamente da Tasker

Data: 14 settembre 2019

Se c'è un aspetto in particolare che ci ha colpito da quando abbiamo provato i primi dispositivi della famiglia Shelly, è la facilità con cui sia possibile utilizzare questi dispositivi anche al di fuori del loro ambiente nativo, nonchè al di fuori del Cloud Shelly.

Per esempio Luigi Duchi ha più volte mostrato come usare il protocollo MQTT, nativamente supportato da tutti i dispositivi Shelly, per integrare questi ultimi all'interno di Home Assistant.

Quello che più colpisce è che non è necessaria alcuna modifica software o hardware. Si usa lo Shelly esattamente "come mamma l'ha fatto!"

Questo mi ha portato a chiedermi se si potesse in qualche modo usare i dispositivi Shelly anche tramite Tasker, direttamente, senza alcun Plug-in e senza dover modificare nulla.

Mi sono messo subito alla ricerca di documentazione ufficiale e ho presto scoperto che i dispositivi Shelly rispondono direttamente a molti comandi HTTP.

La documentazione, a cui ho fatto riferimento, è reperibile al seguente link:

https://shelly-api-docs.shelly.cloud

Sarà sufficiente incollare la stringa giusta nella barra degli indirizzi di un Browser Web per poter, per esempio, sperimentare l'accensione o lo spegnimento del relè interno, oppure semplicemente interrogare il dispositivo per conoscere lo stato in cui si trova.

Chi usa Tasker sa bene che tra le azioni disponibili ci sono sia HTTP GET che HTTP POST. Sarà quindi sufficiente usare questi comandi con le giuste stringhe HTTP per comandare o interrogare i dispositivi.

In realtà Tasker, quando cerchiamo di usare uno dei due comandi citati, ci avvisa che sono stati sostituiti dal comando HTTP Request. Ad una mia prova ho verificato che funzionano sia i vecchi comandi che il nuovo. Quindi usate pure quello che preferite.

COME PROCEDERE

Premetto che la prova che segue l'ho effettuata con uno Shelly 1, ma è facilmente applicabile anche agli altri dispositivi della famiglia.

Vi ricordo che lo Shelly 1 è acquistabile su Amazon ai seguenti link:

https://amzn.to/32DVPP0 (confezione singola)

https://amzn.to/2LQRjWV (confezione doppia)

 

Naturalmente per prima cosa dovrete individuare l'indirizzo IP locale del vostro Shelly, per farlo potrete consultare l'app proprietaria Shelly Cloud entrando nelle impostazioni-device information. Potrete leggere il device id, indirizzo IP e rete WiFi a cui è connesso.

Oppure potrete usare l'app Fing Network facendo una scansione della vostra rete alla ricerca del dispositivo.

In ogni caso prendete nota dell'indirizzo ip e andate a scrivere dentro la barra degli indirizzi di un Browser web la seguente stringa per fare una prova:

http://10.243.138.100/status

Al posto di 10.243.138.100 dovrete scrivere l'indirizzo IP del vostro Shelly.

Se tutto è andato per il verso giusto nella pagina web dovrebbe apparire una stringa simile a questa:

Questa prova sta a dimostrare come lo Shelly risponda ad una richiesta HTTP restituendo in questo caso delle info del dispositivo. 

Se tutto è andato a buon fine potrete iniziare a incollare, sempre nella barra degli indirizzi di un Browser web, altri tipi di stringhe come ad esempio:

http://10.243.138.100/relay/0?turn=on

Dopo aver fatto invio sentirete il relè dello Shelly scattare ed eventualmente vedrete accendersi quello che avete collegato in uscita sullo Shelly (una lampadina o altro).

Ricordatevi sempre che la prima parte del comando rappresenta l'indirizzo ip dello Shelly sulla rete locale e che nel vostro caso dovrete sostituire quei numeri con quelli che avete individuato sul vostro dispositivo.

Naturalmente basterà usare la stringa seguente:

http://10.243.138.100/relay/0?turn=off

... per ottenere lo spegnimenti del relè

Lo stesso comando può essere utilizzato per monitorare lo stato del relè dello Shelly. Usando la seguente stringa infatti...

http://10.243.138.100/relay/0

... riceverete un risultato come quello qui di seguito

{"ison":false, "has_timer":false}

Se il relè fosse stato acceso al posto del primo false avreste letto true

Dopo vedremo come poter popolare una variabile all'interno di Tasker e poter monitorare lo stato dello Shelly per realizzare degli automatismi.

Nel link della documentazione Shelly in cima all'articolo potrete trovare molti altri comandi gestibili in questo modo, ad esempio inviando la seguente stringa potrete attivare o disattivare l'accesso dello Shelly al proprio Cloud:

http://10.243.138.100/settings/cloud?enabled=1  ... oppure 0 se volete disabilitare!

Non sto a farvi l'elenco completo di tutto quello che sia possibile fare tramite comandi HTTP perchè potrete facilmente ricavarlo dalla documentazione Shelly ufficiale.

COME FARE ALL'INTERNO DI TASKER

Come detto poco più sopra, sarà sufficiente creare un comando di tipo HTTP Request, come potete osservare nella seguente immagine:

Da notare che ho lasciato come Method GET e subito sotto (nel rigo URL) ho incollato la stringa esattamente come ho fatto in precedenza nel Browser Web. A seguito dell'esecuzione di questo comando otterremo l'accensione del relè interno.

Nella prima riga di questo comando possiamo anche leggere la variabile che conserva i dati delle richieste HTTP: %http_data

Nel caso volessimo conoscere lo stato del relè, basterà realizzare un comando HTTP Request con la stringa http://10.243.138.100/relay/0

La variabile %http_data verrà popolata con:

{"ison":false, "has_timer":false} 

Se splittiamo opportunamente questa variabile (io per comodità ho prima copiato il contenuto della variabile %http_data in una nuova variabile %MioShelly) tramite il comando Variable SPLIT (io ho dovuto splittarla due volte, la prima con la virgola (,) e la seconda volta con i due punti (:) potremo ottenere il valore False o True a seconda che il relè sia acceso o spento.

Con questo dato, conservato in una variabile, potremmo per esempio cambiare icona sulla Home del nostro smartphone ad una lampadina (icona lampadina accesa o icona lampadina spenta) o creare qualsiasi altra automazione ci viene in mente.

Vi ricordo che lo Shelly 1 è acquistabile su Amazon ai seguenti link:

https://amzn.to/32DVPP0 (confezione singola)

https://amzn.to/2LQRjWV (confezione doppia)

Nel video che segue potrete osservare tutta la procedura con dei piccoli esempi sul mio smartphone. Buona visione!

domotica
tasker
Shelly
Casa Smart
http command
Shelly Cloud

Seguimi su Youtube

Seguimi su Youtube

16,900 iscritti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Facebook

2,700 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi su Telegram

934 iscritti

Seguimi su Youtube

Seguimi via RSS

Categorie
Domotica
149 articoli
L'angolo dei lettori
18 articoli
Audio-Video
17 articoli
Info
16 articoli
Auto-Moto
13 articoli
Promo
12 articoli
Post piu letti
Funzionamento Relè eMylo come deviatore
Riprogrammare Sonoff Smart Switch Basic con Firmware Tasmota
Come integrare Sonoff switch in Home Assistant tramite IFTTT
Autoradio Android ATOTO A61721P - La Prova
Tutti pazzi per Shelly - la nostra prova dello Shelly 1

Supportami